Ucciso in strada: c'era già stata lite

C'era già stata una lite, violenta, qualche giorno fa tra Giancarlo Rigon e Enrico Faggion, le due persone morte ieri a Trissino nell'omicidio-suicidio forse innescato da un credito di denaro che il primo, un orafo, riteneva di vantare verso il giovane, ucciso in strada con 5 colpi di pistola. Anche Faggion aveva lavorato nel mondo dell'oreficeria; il padre era proprietario di una gioielleria in paese. Rigon, dopo il fatto, era fuggito in auto e si era suicidato con la stessa arma. Gli inquirenti stanno ora accertando questo episodio della precedente lite tra i due, riferito da alcuni testimoni. Tuttavia non cambierebbe molto il corso dell'indagine, già ieri inserita dai carabinieri in un quadro di omicidio-suicidio. Faggion, dipendente di una ditta meccanica della zona, doveva sposarsi l'8 agosto prossimo.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Solagna

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...